SV è il simbolo della Poesia errante, lo Stendiversomio.

Lo Stendiversomio è principalmente la poetica, la protagonista di tutte le creazioni letterarie e artistiche.
Questa parola è un neologismo nato dalla fusione tra stendibiancheria e “versuro” (aratro in dialetto veneto).
In sintesi, col versuro attivo il processo creativo sollevando le zolle del mio inconscio e gettando le basi delle mie creazioni e, quando assumono una forma più razionale, le appendo allo stendibiacheria ad asciugarsi, nell’attesa di capire se sono pronte per essere messe in circolo nel nostro organismo cittadino.
Qualsiasi opera è firmata SV perché è la poetica ad essere protagonista, mentre Ma Rea ne è solo l’esecutore.

Lo Stendiversomio

Lo Stendiversomio

Lo Stendiversomio è anche un servizio meteorologico, in quanto io stesso faccio le mie previsioni poetiche, prendendo anche in giro l’ossessione odierna di queste comunicazioni; attraverso il meteo dello Stendiversomio annuncio le mie incursioni cittadine con anticipo. Giocando col mio nome prevedo alta o bassa marea di Poesia errante.
Infine, è anche il nome del mio studio casalingo, il laboratorio di Poesia errante:
LSV
Laboratorio StendiVersomio
Un’attività stupefacente
E non mi resta che stupefarvi.
Buona navigazione in versi.

Salva

  1. Oggi mi sono imbattuta nelle tue parole. All’improvviso e senza difese.
    E’ stato bello – per un attimo – essere trasportata nel circuito della comunicazione, dell’emozione e della poesia, così … gratuitamente e solo perché qualcuno è così ricco da voler donare, così profondo da voler portare a galla, così umano da volermi incontrare nell’anonimato. Una e nessuna.
    Che boccata d’ossigeno, tra il luccichio soffocante delle pubblicità natalizie!!!
    Poi si torna “dove vanno tutti”….
    Ma, intanto, grazie

  2. Ciao! Oggi ho incontrato le tue parole qui in centro a Genova. È stato bellissimo, anzi direi geniale. Geniale! Anche io scrivo versi ogni tanto… spero di trovare ancora altre tue parole in giro!

    • Ciao! Grazie del riscontro. Di strofe ne ho messe un bel po’ lì a Genova, chissà che non ci si incroci nuovamente. Ci si vede per le strade liguri! 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>