La Poesia errante non è “semplice” poesia, è un’esperienza, è uno squarcio nel tempo.
La sua missione è restituire la dimensione poetica agli oggetti e alle nostre azioni quotidiane.
Non che non ce l’abbiano ma, semplicemente, non siamo più abituati a vederla.
Ecco che le parole escono dai libri e si riappropriano della loro quotidianità e della loro dimensione pubblica.
Le strade, ma non solo, sono i veicoli principali di comunicazione odierni ed è arrivato il momento di ascoltare queste strofe che hanno deciso di abbandonare gli scaffali e di riappropriarsi della loro forza comunicativa.
Loro ti vogliono parlare e sono disposte a collocarsi ovunque per arrivare a te.

Questa è la Poesia errante:
Arte e poesia in un’unica soluzione.

E la soluzione sta
nella tua curiosità.

 

Ma Rea

Nomen omen il bucato poetico ad Otranto

Orizzonti poetici pugliesi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>